AFORISMA DEL GIORNO

18 aprile, 2009

Approfonditi i meccanismi del fenomeno del "jet lag"

I ricercatori della New University of Washington (Usa) hanno scoperto che l'alterazione che si verifica nel fenomeno del “Jet Lag” coinvolge due gruppi distinti ma collegati di neuroni, collocati in una struttura chiamata nucleo suprachiasmatico, sotto l'ipotalamo. Normalmente i due gruppi sono sincronizzati, ma le alterazioni provocate dal fatto di volare attraverso vari fusi orari o dai cambi di turno sul lavoro possono mandare in tilt questi ritmi. Risultato? Il sonno profondo, che è più legato ai cicli luce-buio, in genere si adatta in un paio di giorni, ma il sonno Rem (quello dei sogni) può risultare alterato per una settimana e oltre. La ricerca, condotta dal team Horacio de la Iglecia sui ratti e pubblicata su “Current Biology”, spiega che per colpa del fuso orario la fase Rem inizia troppo presto, andando a scontrarsi con quella del sonno profondo.

"Abbiamo scoperto che, dopo aver esposto i ratti a un cambiamento del ritmo luce-buio che simula quello di un viaggio Parigi-New York, la fase Rem ha richiesto da 6 a 8 giorni per sincronizzarsi con il sonno profondo, quello che si sperimenta nella prima fase della notte", sottolinea de la Iglecia.

Non solo, le due fasi del sonno vanno in tilt immediatamente dopo la simulazione del jet lag. "Questo - ipotizza il ricercatore - potrebbe spiegare anche perché la sindrome è associata anche a più basse performance nell'apprendimento. Riteniamo che l'alterazione della normale sequenza di sonno circadiana sia, infatti, molto dannosa per l'apprendimento".

"Uno dei problemi è che ti ritrovi a fare delle cose in momenti in cui il tuo corpo non è pronto a farle. Un gruppo di neuroni dice al corpo di seguire l'ora di Parigi, l'altro che è l'ora di New York. Sei desincronizzato internamente", conclude il ricercatore, il cui lavoro è stata finanziato dai National Institutes of Health (Nih) americani. Lo scienziato punta ora a studi per verificare l'efficacia dei trattamenti disponibili, indagando sulle reazioni dei due centri neuronali, per 'raffinare' queste terapia e renderle ancora più utili a viaggiatori e turnisti affaticati dal jet lag.

FONTE: Adnkronos.it

Nessun commento:

Posta un commento

Sentitevi liberi di commentare l'articolo. Si richiede gentilmente il rispetto delle norme di netiquette esistenti su internet. I commenti sono moderati e verranno pubblicati dopo approvazione del blogger (limite di 24 ore). Il blogger si riserva il diritto di non pubblicare e/o cancellare i commenti che ritiene non adeguati alle regole di netiquette. Buona scrittura e grazie per il messaggio.

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari

Feedburner

Sentieri della Medicina

Se desiderate ricevere direttamente sulla vostra e-mail tutti gli articoli e gli aggiornamenti di questo blog basta accedere al servizio "RSS by Feedburner" o cliccando su questo link "Get Sentieri della Medicina delivered by email" oppure specificando correttamente il vostro indirizzo e-mail nel "Form" cioè nella finestrella bianca posta al di sotto di questa scritta che state leggendo. "Feedburner" è un servizio di aggiornamento via mail abbastanza diffuso e usato da molti siti e quindi questo va a tutto vantaggio della vostra sicurezza: meno spam, più scienza.

Enter your email address:

Delivered by FeedBurner