AFORISMA DEL GIORNO

06 agosto, 2009

Agrigento: ospedale chiuso, dottori e pazienti a casa. Il tipico caso di una struttura "del Sud".

Un ospedale inaugurato nel 2004 e che è stato chiuso per gravi carenze strutturali, in quanto nei "pilastri portanti ci sarebbe più sabbia che cemento". E' l'insana storia accaduta nella città siciliana di Agrigento dove la Guardia di Finanza ha notificato un provvedimento di sequestro cautelativo dell'intero stabile "Ospedale San Giovanni di Dio", che dovrà essere sgomberato entro un mese.

Secondo il gip del tribunale di Agrigento, Alberto Davico, l'ospedale "è a gravissimo rischio sismico". Entro 30 giorni la struttura dovrà essere completamente sgomberata, un tempo necessario anche a garantire l'incolumità del personale sanitario, amministrativo e dei degenti. Il legale rappresentante dell'azienda è stato nominato custode del policlinico.

Come spiegano gli inquirenti "i gravi, precisi e concordanti indizi di colpevolezza hanno determinato la Procura della Repubblica di Agrigento a richiedere l'adozione del provvedimento cautelare reale sussistendo tutte le esigenze previste dal codice di rito, non potendo prorogarsi oltre il rischio concreto di eventi disastrosi".

E' probabile che con la chiusura si sia voluto impedire l'eventuale possibile crollo in caso di evento naturale, come è avvenuto ad esempio all'Aquila lo scorso aprile, cosi come si è voluto ottenere una serie approfondita di prove, senza gli ovvi disagi che questo avrebbe comportato a pazienti e lavoratori, relative a possibili responsabilità per la cattiva costruzione di una struttura "di sicurezza"

Intanto oggi oltre tremila persone hanno partecipato ad Agrigento ad una manifestazione organizzata dalla Cgil per chiedere che l'ospedale "San Giovanni di Dio" non chiuda. Molti negozi hanno abbassato le saracinesca al passaggio del corteo al quale hanno preso parte l'arcivescovo della città, Francesco Montenegro, ed il sindaco, Marco Zammuto.

Fonte: Vari giornali nazionali

Nessun commento:

Posta un commento

Sentitevi liberi di commentare l'articolo. Si richiede gentilmente il rispetto delle norme di netiquette esistenti su internet. I commenti sono moderati e verranno pubblicati dopo approvazione del blogger (limite di 24 ore). Il blogger si riserva il diritto di non pubblicare e/o cancellare i commenti che ritiene non adeguati alle regole di netiquette. Buona scrittura e grazie per il messaggio.

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari