AFORISMA DEL GIORNO

16 febbraio, 2013

Test di Ingresso: ufficiale l'anticipo a Luglio, dal 2014 ad Aprile

Il MIUR (Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca) ha pubblicato il calendario dei test d’ingresso per i corsi di laurea a numero chiuso. Sono state anticipate quasi tutte le date da settembre a luglio. Dal 2014, invece, il ministro uscente Profumo ha fissato tutti i test per il mese di Aprile. Il test d’ingresso per i corsi di laurea di medicina sarà il 23 luglio, per veterinaria il 24 luglio, per architettura il 25 luglio. I test d’ingresso ai corsi delle professioni sanitarie, invece, si svolgeranno “regolarmente” il 4 settembre.

La maturità 2013 inizierà il 19 giugno con la prima prova. Considerando la distanza tra la prima prova di maturità e il test di medicina si può vedere che il “taglio del tempo” è notevole: nel 2012 la distanza tra la prima prova e il test di medicina era di 85 giorni, nel 2013 sarà di soli 35 giorni.
Questo risulta pesante considerando il fatto che tra seconda, terza prova e svolgimento degli orali il tempo di preparazione per i test d’ingresso ai corsi a numero chiuso si assottiglia pesantemente, soprattutto per gli studenti di scuole superiori con un gran numero di iscritti, che rischiano di concludere la maturità a distanza di una settimana dal test.

La data del 15 aprile per lo svolgimento dei test d’ingresso ai corsi di medicina in lingua inglese, invece, era già nota da tempo. Ci sono, però, delle modifiche sensibili alle modalità di valutazione e di svolgimento: gli studenti avranno 90 minuti di tempo per rispondere a 60 domande (nel 2012 i minuti erano 120 e le domande 80) e potranno giocarsi fino a 5 punti di valutazione con la presentazione di un certificato di lingua inglese e attestati dei risultati scolastici precedenti al test (anche qui con un massimo di 5 punti). Una certezza per questo test sarà la graduatoria unica nazionale.

Il MIUR giustifica l’anticipazione dei test di quest’anno a luglio come “un aiuto alla logistica per chi sceglie una città diversa dalla propria per studiare”. La progressiva anticipazione delle date dei test, fino allo svolgimento nel mese di aprile del prossimo anno, invece, è presentato come “europeizzazione del nostro sistema”. Nello stesso periodo, effettivamente, le università europee aprono le pre-iscrizioni e, soprattutto, alcune università private propongono dei test d’ingresso già durante la primavera. Fa eco al MIUR StudiCentro, gli studenti dell’UDC, che elogia il nuovo calendario: “Questa anticipazione evita anche l’assurda situazione che si verifica a ogni inizio di anno accademico quando, a lezioni avviate, vi sono studenti che rientrano nei corsi attraverso lo scorrimento delle graduatorie”.

Daniele Lanni, portavoce nazionale della Rete degli Studenti Medi, ha commentato il tutto in una nota: “Siamo alle comiche finali. Il calendario pubblicato oggi dal Ministero è qualcosa di scandaloso. Gli studenti del quinto anno delle superiori finiscono gli esami di maturità pochi giorni prima del 23 luglio e si arriverà alla situazione paradossale per cui gli studenti avranno solo una settimana per preparare i test”. Il portavoce ribadisce lo schieramento di RSM contro il numero chiuso e dice che sono pronti a mettere in campo “qualsiasi iniziativa legale e politica per fermare questo scempio”. Risponde, poi, direttamente al commento del MIUR: “Altro che europeizzare. Questo è l’ennesimo attacco di questo Ministro dimissionario agli studenti italiani e alla possibilità per tutti di accedere all’Università. Siamo increduli. Come pensano che sia possibile preparare un test che può cambiare le nostre vite in meno di una settimana?”.

Anche il coordinatore nazionale dell’UdU, Michele Orezzi, si scaglia contro la nuova calendarizzazione: “Non solo gli studenti dovranno prepararsi a sostenere un test d’ingresso su materie che possibilmente non hanno mai nemmeno studiato, inoltre avranno pochissimo tempo a disposizione per farlo in quanto saranno impegnati, almeno fino alla prima metà di luglio, a sostenere gli esami di maturità. È un altro palese attacco al diritto allo studio e all’accesso alla formazione per migliaia di studenti”. Orezzi sottolinea anche le vittorie dei ricorsi al TAR contro alcuni test a numero chiuso degli scorsi anni, e ribadisce l’impegno politico e legale a riguardo: “Questa calendarizzazione è un ulteriore percorso ad ostacoli per migliaia di studenti che, dopo le scuole superiori, vogliono intraprendere un percorso universitario e la cosa più grave e' che il Miur cambia ancora una volta le regole in corsa e senza un minimo di preavviso e concertazione con gli studenti. Noi difenderemo i diritti di questi studenti e procederemo anche per via legale per abbattere questo sistema e stiamo gia' pianificando un nuovo ricorso collettivo col nostro avvocato per sconfiggere legalmente e politicamente un test a crocette obsoleto e incostituzionale”.

AUTORE: Mattia Sguazzini
FONTE: You-ng.it

1 commento:

  1. Noi studenti stiamo collaborando per far sentire la nostra su questa calendarizzazione estremamente forzata.
    Invito chi vuole sostenere la nostra causa a prendere parte al gruppo http://www.facebook.com/pages/Movimento-studentesco-Revisione-calendario-test-dammissione-201314/106658606186949?sk=info
    Grazie

    RispondiElimina

Sentitevi liberi di commentare l'articolo. Si richiede gentilmente il rispetto delle norme di netiquette esistenti su internet. I commenti sono moderati e verranno pubblicati dopo approvazione del blogger (limite di 24 ore). Il blogger si riserva il diritto di non pubblicare e/o cancellare i commenti che ritiene non adeguati alle regole di netiquette. Buona scrittura e grazie per il messaggio.

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari