AFORISMA DEL GIORNO

20 luglio, 2015

[SPECIALE ESTATE] - Allarme zanzare, la Aedes Albopictus sempre più diffusa, come difendersi

0 commenti
La Aedes albopictus, conosciuta come Zanzara Tigre
gli esperti prevedono una diffusione massima a partire
dalla prima settimana di Agosto.
L'inverno appena trascorso ci ha dato l'assaggio di come il clima stia cambiando. Certo, non si possono prendere i dati un solo anno per fare statistiche corrette, però anche annate così possono aiutarci a capire alcuni fenomeni importanti. Il processo, sebbene sia molto lento, si ripercuote anche sul numero e sul comportamento degli insetti. Negli ultimi 50 anni, complice l'accumulo di gas serra, la temperatura è aumentata in media di un grado. E più recentemente si è assistito a quello che i meteorologi definiscono "tropicalizzazione del clima", un fenomeno che ha portato piogge di particolare intensità, concentrate in pochi periodi dell'anno e alternate a mesi di siccità. Gli esperti confermano questa tendenza ed entro il 2100 prevedono un aumento di 4-5 gradi della temperatura del pianeta e un progressivo inaridimento dell'area mediterranea .

Sebbene le oltre 3.500 specie di zanzare presenti sul nostro Pianeta siano distribuite un po' dappertutto, al di fuori dell'Antartide, la loro massima concentrazione è ancora oggi rilevabile nei luoghi più caldo-umidi dell'Africa e dell'Asia. A causa delle modifiche del clima, però, nei prossimi anni l'habitat potrebbe divenire ancora più favorevole alle zanzare anche alle nostre latitudini con un loro incremento numerico e la loro presenza per periodi più lunghi. Nei momenti di pioggia intensa si formeranno ristagni d'acqua e questo favorirà la riproduzione delle zanzare. Inoltre, l'aumento della temperatura renderà l'inverno meno rigido, facilitando la loro sopravvivenza. Nel prossimo futuro saremo costretti a una scomoda convivenza con popolazioni di zanzare di nuova introduzione anche nel nostro Paese, attive anche nella stagione invernale. Introdurre nuove specie è sempre più a rischio, lo dimostra la Aedes albopictus, nota come Zanzara Tigre e la new entry Aedes koreikus o zanzara coreana, al momento presente nel Veneto anche sopra i 1000 m slm.

I cambiamenti climatici potrebbero divenire un problema reale dal punto di vista sanitario a causa della diffusione di alcune malattie infettive, in particolare quelle veicolate dalle zanzare. Un esempio è la malaria che colpisce soprattutto le popolazioni più povere del pianeta, debilitate dalla malnutrizione e dalle malattie. Anche se oggi rispetto a qualche anno fa il numero di morti per Malaria è diminuito di un quarto, secondo le previsioni pubblicate su un'autorevole rivista scientifica (The Lancet), la malaria è destinata ad aumentare del 16-28% entro la fine del secolo. Il paese in assoluto più a rischio è l'Africa, dove si prevede non solo un aumento della sua diffusione, ma anche un cambiamento delle modalità di propagazione. Si osserva anche una migrazione delle zanzare malariche verso gli altipiani dell'Africa orientale e un vistoso aumento delle zanzare a seguito della deforestazione e della modificazione delle coltivazioni che, a causa delle irrigazioni fornirebbero l'acqua necessaria al loro sviluppo. La comunità scientifica è molto attenta a questo problema e si spera che la ricerca possa portare presto nuovi farmaci e soluzioni. L'introduzione di nuove specie aumenta anche i rischi di diffusione di malattie fino a qualche anno fa assenti in Europa, come per esempio la Chikungunya e il Dengue trasmessi da Zanzara Tigre e da una sua stretta cugina Aedes aegypti (più famosa perché vettore di febbre gialla nei Paesi a clima Tropicale).

La Zanzara Tigre è di colore scuro, con fasce bianche sulle zampe e una linea bianca sul dorso. Così battezzata per la sua aggressività più che per le striature (il suo vero nome è Aedes albopticus), si è diffusa in Italia negli ultimi anni e ha colonizzato le città favorita dai cambiamenti climatici (l'ambiente caldo umido rappresenta la condizione ideale). È arrivata dall'estremo Oriente, trasportata con il commercio di pneumatici usati, dove sotto forma di uova dormienti riesce a superare lunghi periodi di siccità. Una volta che i copertoni saranno accatastati in un piazzale, però, basta una semplice pioggia perché l'acqua stagnante permetta alle uova di schiudersi dando origine alle larve che in pochi giorni sfarfalleranno come giovani e affamate zanzare.

Nei primi anni della sua presenza in Italia, la Zanzara Tigre era ritenuta un "potenziale" vettore di diffusione delle malattie di origine tropicale. L'epidemia di Chikungunya che nel 2007 ha interessato un'ampia area della Romagna, ha costretto le autorità a modificare questa definizione e oggi la Zanzara Tigre è annoverata tra le specie con "confermata" capacità di trasmettere Virus. Questo suo nuovo ruolo la rende "sorvegliata speciale" sia sul piano ambientale sia sanitario. Il controllo delle popolazioni di questa zanzara è comunque indispensabile anche per la qualità della vita di chi vive in aree infestate: le sue punture procurano spiacevoli irritazioni e gonfiori sulla pelle.

Quante zanzare ci sono? Migliaia? Milioni? Non è facile rispondere a questa domanda, ma se si pensa che in una notte una trappola disposta vicino a una risaia può catturare oltre 200.000 zanzare non è sbagliato ipotizzare cifre impronunciabili: le zanzare sono miliardi di miliardi. Le specie note sono circa 3.200, di cui 70 sono quelle identificate in Italia. Tra queste ultime solo 10 sono in grado di pungere l'uomo. Sono le femmine a pungere, i maschi invece si nutrono di liquidi zuccherini che trovano nelle corolle dei fiori, trasportando il polline di fiore in fiore proprio come le api. Le femmine hanno bisogno di nutrirsi di sangue per consentire la maturazione delle uova che ogni specie depone in quantità variabili da 200 a un migliaio. Le uova vengono deposte in agglomerati galleggianti (Culex), oppure singolarmente sul pelo dell'acqua (Anopheles) e in luoghi asciutti (Aedes).

La natura ha dotato le zanzare di un apparato boccale munito di uno stiletto, che in certi casi è lungo quasi quanto il corpo dell'insetto ed è in grado di "perforare" gli indumenti, soprattutto se attillati. Un dato curioso è che la femmina punge fino alla sazietà, che raggiunge dopo aver succhiato una quantità di sangue variabile da 2,8 a 4 mg (pari a 1,5 volte il proprio peso).
A loro volta le zanzare sono preda di uccelli insettivori, rane, libellule, rettili, per i quali costituiscono un alimento altamente nutritivo. Il loro contenuto proteico, infatti, può superare il 40%, oltre il doppio di quello di una normale bistecca.
Identikit della zanzara

Famiglia di appartenenza: Culicidi
Distribuzione: in tutto il pianeta, poli inclusi
Lunghezza massima: 1,5 mm
Peso: 2-2,5 mg
Velocità di spostamento in volo: 1,5-2,5 Km/h
Durata della vita: fino a 4 settimane all'aperto, qualche mese in stanze chiuse.
Quali rischi si corrono?

Tra le specie di maggior interesse vi sono:

-    Culex, la zanzara comune che punge di notte, attirata dall'emissione di anidride carbonica (respirazione), dalla sudorazione e dalla classica lampada accesa;
-    Anopheles, che nelle regioni tropicali può trasmettere la malaria;
-    Aedes caspius, la zanzara delle paludi e delle risaie;
-    Aedes albopictus (Zanzara Tigre), che è particolarmente aggressiva e punge in pieno giorno.

Il fastidio delle puntura è causato dall'iniezione di un liquido irritante che mantiene il sangue fluido (svolge un'azione anticoagulante). Soprattutto nei paesi subtropicali le zanzare possono trasportare microrganismi patogeni: dai plasmodi della malaria (Anopheles), al virus amarilico, responsabile della febbre gialla (Aedes aegypti), al virus della Dengue e della Chikungunya (Aedes aegypti e Aedes albopticus). In Italia il rischio di contrarre malattie trasmesse dalle zanzare è assai ridotto rispetto ai paesi tropicali, ma alcune malattie possono rappresentare un problema reale e quindi non va mai abbassata la guardia. È il caso della Filaria, della West Nile disease, della Chikungunya. Alcune di queste malattie interessano anche gli animali domestici. Oltre ai rischi per la salute, le zanzare possono causare danni al turismo e all'industria alimentare. Ad esempio le loro punture sono un problema per gli allevamenti di maiali (in particolare in Piemonte e Lomellina), perché compromettono la qualità dei prosciutti.

E se la prevenzione non basta? Purtroppo, benché utile e fondamentale, un'attenta attività di prevenzione non è sufficiente a proteggere completamente dalle zanzare. Poche larve sopravvissute possono dare vita a una nuova generazione di zanzare adulte che a loro volta si riproducono generando migliaia di zanzare. Per una protezione totale bisogna integrare diversi sistemi di lotta, completando l'attività di prevenzione con l'utilizzo di insetticidi e repellenti per eliminare e allontanare le zanzare adulte. La prevenzione, infatti, comprende un insieme di misure cautelative che possono ridurre al minimo la presenza delle zanzare, ma è sufficiente un'anomalia climatica imprevista (per esempio un periodo di pioggia più intenso o più lungo) per creare le condizioni favorevoli alla loro moltiplicazione e vanificare gli interventi di prevenzione.

La soluzione ideale per assicurare la massima protezione è di rafforzare le misure di prevenzione con l'uso combinato di prodotti larvicidi e adulticidi. I primi interrompono il ciclo riproduttivo, disinfestando i ristagni d'acqua, i secondi debellano le zanzare adulte volanti e ne limitano la propagazione.

Per vincere le zanzare bisogna utilizzare in modo congiunto diversi sistemi di lotta:

    evitare il contatto con l'insetto, facendo ricorso a metodi sia fisici (zanzariere, indumenti...) sia chimici o naturali (repellenti cutanei);
    agire sull'ambiente domestico per debellare le zanzare e tenerle lontane, utilizzando i prodotti appositamente studiati per la casa, oppure per il giardino e il balcone;
    curare tempestivamente la puntura per calmare il disagio (prurito) ed evitare ogni possibile complicazione (infezioni cutanee provocate dallo sfregamento)

La zanzara Tigre è più piccola delle altre zanzare e predilige le raccolte di acqua stagnante (sottovasi, tombini, recipienti di ogni tipo in cui si raccoglie l'acqua piovana), dove si riproduce con grande rapidità. Dopo ogni puntura la Zanzara Tigre può deporre fino a 100 uova (in asciutta) che, una volta sommerse dall'acqua (piovana o artificiale), si schiudono con un ciclo brevissimo.

Le larve diventano adulte (nel periodo estivo circa in una settimana) e ogni esemplare in una stagione può generare migliaia di figli, nipoti e pronipoti aumentando rapidamente la popolazione di insetti circolanti. In Italia le uova deposte in autunno possono sopravvivere alla stagione invernale e schiudersi in primavera, quando vengono coperte d'acqua per via delle piogge.

La Zanzara Tigre punge di giorno all'aperto, soprattutto nelle ore più fresche della giornata, preferendo gambe, caviglie e viso. Può penetrare anche negli edifici e raggiungere i piani più alti, mentre di notte riposa tra la vegetazione più bassa.

In Italia nel 2007 (in Emilia-Romagna) si sono verificati casi di trasmissione di una malattia tropicale trasmessa dalla Zanzara Tigre all'uomo (Chikungunya) ma al di là del rischio sanitario, questa zanzara è importante perché la sua puntura provoca gonfiori che danno prurito e sono spesso molto fastidiosi.

FONTE: 3BMETEO
Leggi tutto...

01 luglio, 2015

L'offensiva del Governo sulla Sanità, tagli su tutto per risparmiare 2,3 miliardi di euro

0 commenti
E’ pronto il nuovo testo dell’intesa Stato Regioni per la riduzione di 2,352 miliardi di euro del fondo sanitario a decorrere dal 2015. Il nuovo testo è all’ordine del giorno della seduta di domani della Stato Regioni anche se alcuni rumors paventano un possibile slittamento dell’intesa alla prossima settimana in sede di Conferenza Unificata.

Le voci toccate dalla manovra, attesa a inizio anno, ma ormai da applicare, almeno per quest’anno, in soli sei mesi visti i continui slittamenti, sono beni e servizi (788 milioni), dispositivi medici (550 milioni), specialistica (106 milioni), riabilitazione (89 milioni), riduzione ricoveri in case di cura private con meno di 40 letti (12 milioni), riduzione spese per primariati (68 milioni), riorganizzazione della rete assistenziale pubblica e privata (130 milioni), riduzione finanziamento farmaceutica (308 milioni) e riduzione investimenti in corso (300 milioni).

Resta il fatto che l’intesa lascia comunque libere le Regioni di trovare misure alternative ai tagli indicati, purché si rispetti l’ammontare complessivo previsto dall’intesa.

Alle misure contemplate ai fini del raggiungimento dei 2,352 miliardi di risparmi, vanno poi aggiunti ulteriori risparmi per 500 milioni l’anno derivanti dall’introduzione dei prezzi di riferimento per tutti farmaci con la revisione del prontuario già prevista dal Patto per la Salute e dalla rinegoziazione del prezzo dei biotecnologici con brevetto scaduto.

Questi 500 milioni di euro, che scatteranno appieno solo dal 2016 (salvo i risparmi eventualmente possibili se sarà rispettata la data del 30 settembre 2015 indicata come termine per l’Aifa per la revisione del prontuario) non è però chiaro se andranno ad aumentare di fatto il “taglio” alle risorse per il Ssn o se saranno invece risparmi da reivestire come previsto dal Patto per la Salute.

Ecco le misure nel dettaglio.

Beni e servizi: Si prevede la rinegoziazione dei contratti di acquisto in essere, compresi i contratti di concessione di costruzione e gestione, per raggiungere uno sconto medio del 5% su base annua.

Risparmio previsto: 788 milioni nel 2015, 795 nel 2016 e 799 nel 2017
 
Dispositivi medici: Per i dispositivi medici si prevede ugualmente la rinegoziazione dei contratti, ma non si indica una percentuale media di sconto fermo restando il tetto del 4,4%. Viene poi  individuata la previsione di tetti di spesa regionali, fermo restando quello nazionale, da fissare coerentemente con la composizione pubblico privata dell’offerta, secondo modalità da definirsi nell’ambito di un tavolo tecnico Stato Regioni.

Viene poi previsto che le aziende produttrici di dispositivi medici dovranno concorrere, fin dal 2015, in proporzione all’incidenza del proprio fatturato sul totale della spesa, al ripiano dell’eventuale sfondamento del tetto programmato in misura del 40% per il 2015, del 45% nel 2016 e del 50% nel 2017.

Sempre in tema di dispositivi medici si valuta anche il possibile impatto (senza però quantificarlo) che deriverà dall’obbligatorietà per gli enti della P.A. di fatturazione elettronica in vigore dal 31 marzo 2015. Le fatture elettroniche consentiranno di rilevare il codice di repertorio, la quantità ed il prezzo dei dispositivi medici venduti agli enti del SSN.

E proprio per monitorare il flusso della fatturazione diventerà operativo presso il Ministero della Salute l’osservatorio prezzi dei dispositivi medici per il supporto ed il monitoraggio delle stazioni appaltanti, con il compito di controllare la coerenza dei prezzi a base d’asta rispetto ai prezzi di riferimento definiti da ANAC o ai prezzi unitari disponibili nel flusso consumi del Sistema informativo e statistico del Ssn.

Risparmio previsto: 550 milioni nel 2015, 792 nel 2016 e 918 nel 2017

 Appropriatezza. Prestazioni specialistiche inappropriate a carico del cittadino e penalizzazioni per medici che le prescrivono
E’ un altro dei pilastri della manovra. Governo e Regioni sono convinti che si possa incidere su prestazioni specialistiche e riabilitative non necessarie ma prescritte ugualmente dai medici. Sarà un decreto ministeriale ad individuare, entro 30 giorni dall’intesa, le condizioni di erogabilità e le indicazioni prioritarie per la prescrizione appropriata delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale ad alto rischio di inappropriatezza.

Al di fuori delle condizioni di erogabilità le prestazioni saranno poste a totale carico dell’assistito. All’atto della prescrizione, il medico dovrà riportare al lato della prestazione prescritta l'indicazione della condizione di erogabilità o indicazione prioritaria.

Saranno anche attivati controlli ad hoc e qualora risulti che un medico abbia prescritto una prestazione senza osservare le condizioni e le limitazioni citate, l'azienda sanitaria locale o l’azienda ospedaliera, dopo aver richiesto al medico stesso le ragioni della mancata osservanza, ove ritenga insoddisfacente le motivazioni addotte, adotterà i provvedimenti di competenza applicando nei confronti del medico dipendente del Ssn una riduzione del trattamento economico accessorio nel rispetto delle procedure previste dal contratto nazionale e nei confronti del medico convenzionato con il Ssn  una riduzione della quota variabile mediante le procedure previste dall’accordo collettivo nazionale di riferimento.

Sanzioni anche per il direttore generale di Asl o ospedale che non abbia applicato le misure penalizzanti ai medici da valutare al momento della verifica dei risultati di gestione.

Su questo le Regioni avevano proposto misure più penalizzanti per i medici andando a incidere sul loro patrimonio, ma la misura non è stata accolta dal Governo come molte altre proposte regionali.

In relazione a questi interventi le Regioni saranno poi tenute a ridefinire i tetti di spesa annui degli erogatori privati accreditati delle prestazioni di specialistica ambulatoriale assicurando un abbattimento medio dell’1% del valore dei contratti in essere.

Risparmio previsto: 106 milioni per ciascuno degli anni dal 2015 al 2017.
 
Riduzione dei ricoveri di riabilitazione ad alto rischio di inappropriatezza
Previsto un altro decreto ministeriale, sempre entro 30 giorni dall’intesa, che individuerà i criteri di appropriatezza dei ricoveri di riabilitazione ospedaliera, con riferimento alla correlazione clinica del ricovero con la tipologia di evento acuto, alla distanza temporale tra il ricovero e l’evento acuto e, nei ricoveri non conseguenti ad evento acuto, alla tipologia di casistica potenzialmente inappropriata.

Per i ricoveri clinicamente inappropriati ordinari e diurni, verrebbe applicata una riduzione pari al 50% della tariffa fissata dalla Regione ovvero sarebbe applicata la tariffa media fissata dalla stessa Regione per i ricoveri di riabilitazione estensiva presso strutture riabilitative extraospedaliere. Per tutti i ricoveri oltre soglia clinicamente appropriati, la remunerazione tariffaria per i ricoveri ordinari e diurni, è ridotta del 60% per le giornate oltre-soglia.

Risparmio previsto: 89 milioni per ciascuno degli anni dal 2015 al 2017.
 
Applicazione dei nuovi standard ospedalieri
Dall’applicazione dei nuovi standard, e in particolare, dall’incremento previsto del tasso di occupazione dei posti letto, dalla riduzione della degenza media e del tasso di ospedalizzazione

Risparmio previsto: 130 milioni per ciascuno degli anni dal 2015 al 2017.

Taglio case di cura con meno di 40 posti letto
E’ previsto l’azzeramento dei ricoveri in strutture convenzionate con meno di 40 posti letto (destinate alla chiusura in base ai nuovi standard fatta eccezione per le cliniche monospecialistiche).

Risparmio previsto: 12 milioni per ciascuno degli anni dal 2015 al 2017.

Altri risparmi sono previsti sulla spesa per il personale, a seguito della riduzione di strutture complesse e di strutture  semplici  conseguente al riordino della rete ospedaliera con la conseguente riduzione degli incarichi di struttura semplice e complessa, a cui, fanno notare i tecnici ministeriali e regionali, sono associate specifiche voci retributive che a normativa vigente confluirebbero nei fondi della contrattazione integrativa. Le risorse relative al trattamento accessorio liberate a seguito delle riorganizzazioni correlate al rispetto degli standard ospedalieri, non concorrerebbero inoltre all’ammontare complessivo dei fondi destinati annualmente al trattamento accessorio.

Risparmio previsto: 68 milioni di europer ciascuno degli anni dal 2015 al 2017.

Si prevede anche la riduzione progressiva del numero delle Centrali operative 118, sempre in seguito alla riorganizzazione della rete ospedaliera. M il risparmio derivante da tale riduzione non è stato ancora quantificato.

Farmaceutica territoriale ed ospedaliera: Si prevede l’introduzione dei prezzi di riferimento nel prontuario farmaceutico. In proposito è previsto che entro il 30 settembre 2015AIFA provveda alla ridefinizione straordinaria del prontuario farmaceutico nazionale prevedendo l’introduzione di prezzi di riferimento relativi al rimborso massimo da parte del SSN di medicinali terapeuticamente assimilabili, sia a brevetto scaduto che ancora coperti da brevetto.
 
Riforma della disciplina di definizione del prezzo dei medicinali biotecnologici dopo la scadenza brevettuale. All’Aifa viene dato il potere di rinegoziare in ribasso con le aziende farmaceutiche il prezzo di un medicinale biotecnologico all'indomani della sua scadenza brevettuale o del certificato di protezione complementare, in assenza di una concomitante negoziazione del prezzo per un medicinale biosimilare o terapeuticamente assimilabile. Anche in questo caso non è calcolato il risparmio atteso da questa misura ai fini del raggiungimento dell’intesa.

Introduzione di disciplina della revisione dei prezzi di medicinali soggetti a procedure di rimborsabilità condizionata (payment-by-result, risk- cost-sharing, success fee). Sempre all’Aifa il potere di rinegoziare con le aziende farmaceutiche in riduzione il prezzo di un medicinale soggetto a rimborsabilità condizionata dopo almeno due anni di commercializzazione, quando i benefici rilevati nell'ambito dei Registri di monitoraggio AIFA siano inferiori rispetto a quelli attesi e certificati. Al momento non è stato però quantificato l’ammontare del possibile risparmio di tale misura.

Governo e Regioni che il complesso delle suddette misure debba comportare un risparmio annuo di almeno 500 milioni di euro.
 
Riduzione del livello di finanziamento e impatto sui livelli di spesa farmaceutica programmati. In conseguenza dell’abbassamento del fondo sanitario 2015 di 2,352 miliardi è stato infine calcolato l’impatto di tale riduzione sull’ammontare delle risorse destinate alla farmaceutica territoriale ed ospedaliera. Fermi restando i vigenti tetti della spesa farmaceutica territoriale ed ospedaliera (pari rispettivamente all’11,35% e al 3,5%), i livelli di spesa programmati diminuiranno di circa 308 milioni di euro.

Arrivano i tetti “regionali” per la territoriale e dell’ospedaliera. Anche per i tetti della farmaceutica la proposta di intesa prevede, analogamente a quanto previsto per i dispositivi medici, l’individuazione di tetti regionali che sarà affidata a un tavolo tecnico Stato Regioni, fermi restando gli attuali tetti nazionali.

Sfondamento fondo per l’innovazione farmaceutica rientra nel tetto della territoriale. Passa in parte la proposta delle Regioni di considerare ai fini del ripiano della spesa farmaceutica territoriale anche il costo per i farmaci innovativi. Nella nuova proposta di intesa viene infatti previsto che la spesa eccedente l'importo finanziato con il fondo per  l'innovazione, istituito dalla legge di stabilità, concorre al raggiungimento del tetto di spesa della farmaceutica territoriale. Come è noto il fondo per l'innovazione ammonta per il 2015 a 500 milioni di euro. Ricordiamo inoltre che le aziende il cui fatturato per la produzione di un farmaco innovativo sfori i 300 mln sono già oggi tenute a un pay back del 20% dell'eventuale sfondamento del Fondo.

Risparmi sugli investimenti già programmati: Rispetto all’ultimo testo si stabilisce che le Regioni si impegnano, con riferimento ai cespiti acquisiti con contributi in conto esercizio a rivedere la programmazione degli investimenti già programmati per il 2015 e non ancora effettuati al fine di assicurare economie non inferiori a 300 mln di euro nel rispetto dei Lea. Per questo la Conferenza delle regioni dovrà darne informazione al tavolo di verifica degli adempimenti entro 30 giorni dalla sottoscrizione dell’intesa.

Rideterminazione del fondo sanitario 2015/2016 e 2017 e possibilità per le Regioni di adottare misure di risparmio alternative: L’intesa prende poi atto della riduzione, a decorrere dal 2015 (e calcolata fino al 2017), di 2,352 miliardi del fondo sanitario, prevedono anche la possibilità che le Regioni possano raggiungere gli obiettivi di risparmio con misure alternative a quelle contemplate dall’intesa.

Nuove misure per la governance del sistema sanitario: In aggiunta a queste misure, Governo e Regioni convengono sulla necessità di introdurre anche nuove misure di governance per garantire maggiore efficienza al sistema sanitario da considerare nell’ambito del lavoro di spending review in atto da parte del Governo.

In particolare:
1) riorganizzazione e ripensamento del sistema aziendale pubblico in una logica di valutazione e miglioramento della produttività, intesa quale rapporto tra il valore prodotto (in termini quantitativi e economici) ed i fattori produttivi utilizzati (in termini quantitativi e economici);
2) individuazione e utilizzo di indicatori standard relativi alla gestione degli immobili, strumentali e non, delle aziende sanitarie pubbliche;
3) valutazione e valorizzazione delle esperienze ed iniziative in ambito di servizi sovra-aziendali, allo scopo di diffondere rapidamente ed efficacemente le migliori pratiche;
4) valutazione della possibilità di realizzazione di un centro di competenza nazionale in materia di stesura dei capitolati per l'acquisizione di beni e servizi:

Medicina difensiva: Governo e Regioni sembrerebbero infine decise a dare una spinta decisiva all’introduzione di modifiche normative sulla responsabilità civile e penale dei professionisti della salute, in modo da favorire l’appropriatezza prescrittiva e limitare gli effetti della medicina difensiva. Come si sa al momento sul tema esistono già diversi ddl all’esame della Camera ma si è ancora in attesa della definizione di un testo unico.


FONTE: QuotidianoSanità.it
Leggi tutto...

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari