AFORISMA DEL GIORNO

21 febbraio, 2014

Firmato il decreto per il concorso nazionale di accesso alle specializzazioni 2014: ecco le novità

Arriva al fotofinish da parte del Ministro On. Prof.ssa Maria Chiara Carrozza l'attesa firma del Decreto Ministeriale per il concorso di accesso alle specializzazioni di area sanitaria a.a. 2013/2014, il primo su base nazionale. Giornata storica e grande soddisfazione da parte dell'Associazione Italiana Giovani Medici (SIGM) da sempre impegnata per migliorare nel senso della trasparenza, dell'oggettività e del merito la formazione pre-post laurea di area sanitaria.

Ecco cosa cambierà:

Il nuovo concorso a graduatoria nazionale avrà applicazione nel corrente anno accademico (ipotesi svolgimento prova a luglio o settembre).

Per quanto riguarda la valutazione del curriculum degli studi verranno conteggiati

1) la media aritmetica dei voti degli esami sostenuti durante il corso di laurea

2) il voto di laurea (avrà peso molto limitato, ma non sarà standardizzato in percentili)

3) esami fondamentali del corso di laurea e specifici della tipologia (fino a 5)

4) tesi (se sperimentale e ricadente in un SSD affine alla tipologia di scuola)

5) il titolo di dottorato nei SSD della tipologia della Scuola (laddove posseduto dal candidato)

(NB: i parametri di cui ai punti 4 e 5 NON saranno computati ai già specialisti o a chi ha usufruito già di un anno di contratto di specializzazione)

I 120 quiz, 90 generali uguali per tutte le scuole e 30 differenziati per tipologia, saranno prodotti da Esperti (con tutta probabilità esterni ed indipendenti come quelli chiamati in causa per l'accesso a medicina) e verranno corretti centralmente in modo automatico. La selezione sarà supervisionata da una Commissione Nazionale (composta da docenti sorteggiati, tranne il Presidente che sarà di nomina del Ministro), che si occuperà di validare i risultati. Essa, inoltre, si articolerà in sottocommissioni ed in prima riunione (ovvero prima delle prove) individuerà l'elenco delle materie di cui al punto 3. La prova, suddivisa in due parti, verrà somministrata in più sedi (non per forza corrispondenti alle sedi universitarie delle scuole di specializzazione) e le due parti potrebbero essere somministrate in due tempi (sembrerebbe anche in sedi differenti tra loro rispetto alla parte generale).

Il peso della prova a quiz sarà determinante ai fini del risultato. Nessun margine di discrezionalità verrà dato alla Commissione ai fini della valutazione ma, in ogni caso, sarà opportuno avere contezza delle modalità organizzative, per esprimere un giudizio compiuto.

Si potrà concorrere per due tipologie di scuola per ciascuna delle tre aree (medica, chirurgica, dei servizi). Ci saranno tante graduatorie nazionali quanto le tipologie di scuole. All'atto dell'iscrizione il candidato dovrà indicare l'ordine di preferenza delle sedi per cui concorrere (come avviene per l'accesso a medicina).

Il SIGM ringrazia il Ministro On. Prof.ssa Maria Chiara Carrozza per aver combattuto, sin dall'inizio, al fianco dei giovani medici una battaglia nel segno della meritocrazia e della trasparenza.

I migliori auguri al nuovo Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, On. Prof.ssa Stefania Giannini, nell'auspicio di poter lavorare sin da subito insieme per risolvere le urgenti problematiche ancora esistenti, numero di contratti in primis, e per continuare a migliorare la formazione di area sanitaria post laurea.






FONTE: Giovanemedico.it

Nessun commento:

Posta un commento

Sentitevi liberi di commentare l'articolo. Si richiede gentilmente il rispetto delle norme di netiquette esistenti su internet. I commenti sono moderati e verranno pubblicati dopo approvazione del blogger (limite di 24 ore). Il blogger si riserva il diritto di non pubblicare e/o cancellare i commenti che ritiene non adeguati alle regole di netiquette. Buona scrittura e grazie per il messaggio.

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari