AFORISMA DEL GIORNO

21 agosto, 2009

Un "mare" di amianto a Catania, interviene la Gdf

Un'oasi naturale "coperta" di polveri di amianto. Ignari bagnati che visitano giornalmente uno stabilimento alle cui spalle vi era un deposito di asbesto, la micidiale sostanza le cui polveri provocano asbestosi e tumori della pleura come il mesotelioma pleurico e il carcinoma polmonare. L'incredibile scoperta è stata fatta dai militari della guardia di finanza di Riposto, in provincia di Catania, i quali hanno scoperto circa 100 tonnellate di amianto nell'area della ex Keyes Italia Spa, a Fiumefreddo di Sicilia. L'area, estesa per 50 mila metri quadrati nelle vicinanze della riserva naturalistica "Oasi di Fiumefreddo", è stata posta sotto sequestro e due persone sono state denunciate. Il sito era stato in parte adibito a parcheggio, con servizi igienici e docce che, secondo quanto accertato, non avevano i requisiti igienico-sanitari prescritti, ed era spesso frequentato da numerosi catanesi della zona che utilizzavano la struttura come luogo di vacanza. Ovvio stupore per i bagnanti, ignari del pericolo giornalmente corso in zona, e che una volta appresa la notizia dagli stessi militari sono fuggiti. Qualche mese prima la Procura aveva disposto la bonifica della zona. L'impiego dell'amianto è fuori legge in Italia dal 1992. La legge n. 257 del 1992, oltre a stabilire termini e procedure per la dismissione delle attività inerenti l'estrazione e la lavorazione dell'asbesto, è stata la prima ad occuparsi anche dei lavoratori esposti all'amianto. L'asbestosi è stata la prima malattia professionale amianto-correlata riconosciuta dall'INAIL; dal 1994 sono altresì tabellate come tali anche il mesotelioma (pleurico, pericardico e peritoneale) ed il carcinoma polmonare. Le zone con mortalità da amianto più elevata sono la provincia di Gorizia (Monfalcone) e Trieste nel nord est, gran parte della Liguria, Genova e soprattutto La Spezia e la provincia di Alessandria nel nord ovest, Massa Carrara, Livorno e Pistoia al centro, Taranto a sud, in Sicilia a Siracusa con lo stabilimento Eternit. Sono quasi tutte zone costiere con cantieri navali e porti. L'unica provincia non costiera è quella di Alessandria, dove è situato Casale Monferrato, sede per circa 80 anni di una grande fabbrica di cemento-amianto.

Nessun commento:

Posta un commento

Sentitevi liberi di commentare l'articolo. Si richiede gentilmente il rispetto delle norme di netiquette esistenti su internet. I commenti sono moderati e verranno pubblicati dopo approvazione del blogger (limite di 24 ore). Il blogger si riserva il diritto di non pubblicare e/o cancellare i commenti che ritiene non adeguati alle regole di netiquette. Buona scrittura e grazie per il messaggio.

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari