AFORISMA DEL GIORNO

17 luglio, 2009

L’influenza A/H1N1 ora fa paura: troppi casi e contagi eccellenti, “Inarrestabile” secondo l’OMS

Desta forte preoccupazione l’espandersi dei casi di influenza umana A/H1N1 in Europa, con un coinvolgimento dell’Italia che si sta rivelando sempre più graduale. In appena 4 giorni proprio in Italia sono stati confermati 34 nuovi casi di nuova influenza, lo rende noto il ministero del Welfare il quale ha anche precisato che dal 24 aprile si sono verificati complessivamente 258 casi nel nostro Paese. Il ministro del welfare Ferruccio Fazio ha dichiarato recentemente agli organi di stampa che l’obiettivo è il “vaccinare il 40% della popolazione, con una percentuale che potrà essere modulata più avanti nel tempo”. Quindi se in Europa la Francia punta a vaccinare il 100% della popolazione e la Gran Bretagna il 70%, l'Italia considera opportuno l'obiettivo del 40%, insieme a Spagna e Germania. Ha dichiarato sempre agli organi di stampa il ministro “Siamo allineati sulla base delle previsioni, che si basano sulla non gravità del virus. Siamo naturalmente pronti a modifiche, ma al momento non siamo preoccupati perchè attualmente non si ritiene probabile che il virus possa diventare più aggressivo prima di un anno. In questa eventualità, abbiamo quindi tutto il tempo per prepararci”. Secondo Fazio “non bisogna lasciarsi influenzare dall'idea che le scorte di vaccino possano ridursi rapidamente”. Intanto in Gran Bretagna è scoppiato l’allarme pandemia, con numerosi nuovi contagi ogni giorno.

Fra i colpiti sono rimasti coinvolti anche una cinquantina di adolescenti dai 12 ai 18 anni che si trovavano in Inghilterra per motivi di studio. L’ambasciata italiana in Inghilterra ha dichiarato agli organi di stampa nazionali che: “da martedì sera hanno ricevuto una serie di segnalazioni di casi sospetti di ragazzi, tutti tra i 12 e i 17 anni, che si trovano in istituti di Londra, Oxford, Birmingham e Norwich.” La console ha precisato che “tutti i ragazzi sono stati sottoposti alla procedura adottata dall'autorità sanitaria britannica che prevede, in seguito al riscontro di sintomi, la somministrazione di tamiflu per una terapia che dura cinque giorni. Tale è il protocollo standard che è in vigore in Gran Bretagna e che indica di non recarsi in ospedale, aspetto molto importante in quanto questa influenza può essere pericolosa per le persone già malate, di conseguenza è importante non esporre a rischi di contagio i degenti in ospedali». Bisogna precisare che tutti i ragazzi si trovano in buona salute e 25 di questi ragazzi sono già rientrati dalla loro vacanza-studio. Il numero di decessi è salito nelle ultime ore a 29, le vittime di nuova influenza sono soprattutto persone anziane e pazienti con concomitanti patologie croniche. Per esempio, una delle ultime vittime è una turista che è deceduta in ospedale in Scozia ieri sera e che presentava già dei precedenti problemi debilitanti. Era stata ricoverata oltre tre settimane fa al Raigmore Hospital di Inverness. E secondo un’indiscrezione dei giornali inglesi sembra che tra le vittime “eccellenti” ci sia anche Cherie Blair, la consorte dell'ex premier Gb che tuttavia sarebbe in buone condizioni e non in pericolo di vita. Non è chiaro, inoltre, se il marito o uno dei quattro figli abbiano contratto a loro volta il virus.

Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, il totale dei decessi è salito a 667, mentre solo ieri erano 580. L'aumento più rilevante si registra in Argentina, dove da 40 si e' passati oggi a 137 morti, e in Tailandia, da 9 a 24. Il numero globale dei casi di persone affette dal virus A/H1N1 e' salito a 125.993 (116.943 ieri). In Europa erano stati accertati circa 14.500 focolai. Il numero più elevato si registra nel Regno Unito con oltre 9.700 casi, seguito da Spagna (almeno 1.099), Germania (763) e Francia (464).

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha detto oggi che l'influenza H1N1 è la più rapida pandemia a diffondersi di cui si abbia ricordo e che allo stato attuale è inutile tenere il conto di ogni singolo caso. Intanto il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha destinato alla lotta al virus 1,825 miliardi di dollari, come si legge in una lettera che ha inviato alla speaker della Camera dei Rappresentanti Nancy Pelosi. Il denaro, che viene dal fondo di 7,65 miliardi di dollari che il Congresso ha già destinato al Dipartimento della Salute per la pandemia, sarà impiegato per l'acquisto di ingredienti per il vaccino per aiutare le autorità sanitarie nella campagna di vaccinazione e per favorire l'approvazione dei vaccini presso la Food and Drug Administration, spiega nella lettera Obama.

L'agenzia delle Nazioni Unite, che ha alzato ulteriormente il livello di allerta lo scorso 11 giugno, ha rivisto le sue richieste e ora le autorità sanitarie nazionali hanno l'obbligo di dare notizia solo dei focolai che contano diversi casi, delle morti provocate dal nuovo virus o dei casi medici particolari. “L'influenza del 2009 si sta diffondendo a livello internazionale con una velocità senza precedenti. Nelle passate pandemie, i virus dell'influenza hanno impiegato più di sei mesi per diffondersi al livello raggiunto dal nuovo virus H1N1 nel giro di meno di sei settimane", ha detto in una nota. E' diventato pressoché impossibile per le autorità sanitarie e per i laboratori tenere il conto dei singoli casi -- che per la maggior parte non sono particolarmente virulenti, mentre il virus continua a diffondersi, secondo l'agenzia che riunisce 193 Stati membri. Gli esperti sostengono che almeno un milione di persone sia stato infettato soltanto negli Stati Uniti, e l'Oms dice che la pandemia “è inarrestabile”.

Il nuovo virus può essere curato con farmaci antivirali come il Tamiflu di Roche o il Relenza della GlaxoSmithKline, anche se molti pazienti guariscono senza un trattamento medico.

FONTE: vari organi di stampa nazionali

2 commenti:

  1. Avaria?? Forse intendi suina!!

    RispondiElimina
  2. :-o Erroraccio mio di distrazione, mi scuso (sono contento però di essere stato corretto, significa che almeno qualcuno legge il mio blog eheh ;)) )

    RispondiElimina

Sentitevi liberi di commentare l'articolo. Si richiede gentilmente il rispetto delle norme di netiquette esistenti su internet. I commenti sono moderati e verranno pubblicati dopo approvazione del blogger (limite di 24 ore). Il blogger si riserva il diritto di non pubblicare e/o cancellare i commenti che ritiene non adeguati alle regole di netiquette. Buona scrittura e grazie per il messaggio.

SENTIERI DELLA MEDICINA

In questo blog ci sono post e commenti

Commenti recenti

Post più popolari